• 26/10/2017
  • CAMPI BISENZIO (FI)

Porto delle storie

Un laboratorio di scrittura per ragazzi come strumento d’integrazione

Giornalista, blogger e videomaker.

Laureato in Scienze della comunicazione all’Università di Siena, si occupa di contenuti per internet, strategia social e web, video produzioni e collabora con testate locali fiorentine per cui scrive approfondimenti e inchieste su temi di attualità.

Ha iniziato nel 2003 come giornalista radiofonico (syndication Cnr radio FM, Radio Cuore, Rdf 102.7) e ha lavorato per l’agenzia multimediale di RCS, per cui ha realizzato video anche per il sito Corriere.it.

Dal 2013 fa parte della redazione di Informacoop, la trasmissione tv di Unicoop Firenze.

Laboratorio di scrittura “Porto delle storie”

Laboratorio di scrittura “Porto delle storie”

Quando i ragazzi prendono in mano la penna, o meglio la tastiera, visto che molti la preferiscono, gli esiti possono essere inaspettati. Lupi che mangiano patatine fritte, detective londinesi, leghe di supereroi. Se ne leggono delle belle tra le pagine nate dai laboratori di scrittura per ragazzi del Porto delle storie di Campi Bisenzio (Fi). Sì, perché alla fine di questo viaggio, fatto di creatività e parole, i giovani dai 10 ai 16 anni vedono stampate nero su bianco le loro idee. Adesso questa esperienza lunga sei anni sbarca nella sala soci Coop di Campi Bisenzio, che da gennaio ospiterà un incontro a settimana, anche grazie a una “ciurma” di volontari, alle prese in queste settimane con un percorso di formazione.

«Spesso diciamo agli adulti: “Venite a imparare dagli adolescenti come si costruisce un racconto”. Loro sì che hanno idee geniali e tanta fantasia», spiega Michele Arena, educatore della cooperativa sociale Macramè che ha dato vita al progetto insieme a Stazione 50013. Prima i laboratori hanno “attraccato” nel Porto delle storie di Campi Bisenzio, un circolo con un mare di iniziative ospitato in una palazzina di via Giusti, poi hanno iniziato a navigare per le biblioteche della piana fiorentina, da Calenzano a Firenze. Gli incontri sono aperti a tutti gli under 16: appassionati di scrittura o meno, ragazzi dislessici o che conoscono poco la lingua perché di origine straniera. Non importa avere nove a italiano, assicurano gli educatori, e se scappa una “h” o si perde per strada una doppia non è una tragedia. L’importante è divertirsi cimentandosi in uno sport estremo: la scrittura.

«Qui non si danno voti e non si insegnano dei modelli: si forniscono ai ragazzi gli strumenti per tirare fuori le loro storie, influendo nel minor modo possibile, perché attraverso la narrazione facciamo conoscenza di noi stessi e dell'altro, sviluppiamo l'ascolto e il confronto - aggiunge Leonardo Sacchetti, altro educatore di Macramè -: tutto questo è uno stimolo per l'integrazione e l'emancipazione». Negli anni anche scrittori affermati sono venuti ad ascoltare queste storie, come Stefano Benni o Dave Eggers, “padre” a San Francisco di una scuola di scrittura analoga.

A Campi Bisenzio i laboratori del Porto delle storie hanno trovato l’aiuto della sezione soci, che promuove l’iniziativa insieme alla Biblioteca Tiziano Terzani, nell’ambito del progetto Bibliocoop. «Ciò che ci ha colpito di questa realtà è lo sguardo rivolto al territorio - osserva Angelo Cerrato, presidente della sezione soci -. Siamo felici di portare avanti un progetto pilota che in futuro potrà essere esteso ad altre sezioni».

La penna può essere un’arma per combattere il disagio giovanile. Lo sanno bene gli educatori di Macramè, che gestiscono accanto al Porto delle storie il centro adolescenti Canapè: al piano terra della struttura ci sono la palestra e le stanze dove fare uno spuntino o una festa di compleanno, sopra sale con grandi tavoli dove studiare insieme e trovare consiglio. Ogni settimana dal centro passano cento giovani: alcuni hanno storie difficili alle spalle, altri hanno lasciato la scuola, altri ancora non studiano né lavorano e ora sono alla ricerca della loro strada. E in molti casi la scrittura può aiutare a scoprire nuove vie.

http://www.portodellestorie.it/


Il Porto delle storie alla Coop

Nella sezione soci Coop di Campi Bisenzio il laboratorio di scrittura per ragazzi Porto delle storie si tiene dal 9 gennaio all’8 aprile 2018 con un incontro ogni martedì (iscrizioni lab@portodellestorie.it, tel 3406201078). Il prossimo 16 dicembre, inoltre, i volontari raccoglieranno le storie dei clienti e dei soci nel punto vendita di via Buozzi.

Video