• 09/05/2017

Mammamù, la musica che fa crescere

Prosegue l’iniziativa di crowdfunding della Fondazione Il Cuore si scioglie in collaborazione con Eppela, le realtà associative del territorio e le sezioni soci Coop

Pensati con il Cuore” e realizzati con la musica, l’arte e l’inventiva di chi ce la mette tutta per arrivare a un traguardo: l’8 maggio è la data ufficiale in cui ha preso il via la campagna di raccolta fondi on line per il terzo pacchetto di cinque progetti solidali promossi dalla Fondazione Il Cuore si scioglie e lanciati in rete sulla piattaforma Eppela, dove sarà possibile dare un contributo con un click fino al 16 giugno.

Fra i cinque, il progetto Mammamù la musica che fa crescere realizzato dalla Scuola di Musica di Fiesole, in collaborazione con Unicoop Firenze e la sezione soci Coop Firenze nord ovest, per offrire corsi di musica gratuiti ai bambini del quartiere delle Piagge di Firenze.

L’idea di base del progetto è che mamma-musica sia un efficace strumento di integrazione culturale e sociale al quale avvicinare i bambini fin dall’età scolare. Partito nel 2013, con otto allievi fra clarinetti, corni e trombe, oggi conta ventitré fiati, compresi flauti, sax e tromboni, con un vero ensemble cresciuto per numero, qualità e varietà di strumenti. Dopo quattro anni di attività, è tempo di tirare le somme e rilanciare per il futuro, raccogliendo la sfida della raccolta fondi popolare per garantire il futuro del progetto, garantendone la gratuità, la qualità e la partecipazione sempre più ampia dei bambini.

Obiettivo del crowdfunding sarà dunque quello di coprire il costo complessivo del progetto per un intero anno scolastico, con una somma di 15mila Euro per il costo dei docenti, del noleggio strumenti e dei materiali didattici. Un obiettivo che sarà possibile se il progetto Mammamù sarà al centro dell’attenzione di tutto il Quartiere delle Piagge e del Quartiere di Brozzi, e riceverà un sostegno convinto e partecipe da parte di tutta la comunità.

Sfogliando le altre proposte, si parte con Tavarnelle Val di Pesa l’associazione Ci Incontriamo propone un progetto di inclusione sociale attraverso laboratori e attività che mettano in relazione ragazzi disabili e normodotati. L’associazione Porte Aperte di Vinci tocca il tema della povertà con un progetto di riciclo creativo finalizzato al reinserimento nella società di persone in situazione di difficoltà. L’associazione Orizzonti onlus affronta la tematica dell’emergenza abitativa sul territorio di Bagno a Ripoli, offrendo una possibilità di vita autonoma a un gruppo di ragazzi disabili. Infine, sempre sul versante creativo, ad Arezzo l’associazione Ezechiele punta a coinvolgere ragazzi disabili, le scuole e persone a rischio emarginazione, nella realizzazione del mosaico più grande d’Europa, già avviato da anni.

Il link al progetto Mammamù
www.eppela.com/mammamu

Il link per scoprire tutti i progetti
www.eppela.com/progettipensaticonilcuore