• 11/07/2016
  • UNICOOP FIRENZE

Archivio storico

Presentato l'archivio storico di Unicoop Firenze. Arriva alla meta un accurato lavoro di raccolta e catalogazione

Foto M.D'Amato

Un percorso lungo 5 anni nei quali sono stati catalogati verbali, registri, libri contabili e dei soci: oggi il tutto è ben ordinato, protetto, consultabile nell’Archivio storico di Unicoop Firenze che è stato presentato lo scorso7 luglio presso la sede dell’Unicoop Firenze di via Santa Reparata 43.

L’archivio è il risultato di un progetto di recupero e valorizzazione della memoria storica di Unicoop Firenze che, negli anni, ha raccolto e conservato le testimonianze della ricca realtà di cooperazione sviluppatasi sul territorio toscano già a partire dalla seconda metà dell’800: ad oggi questo patrimonio storico conta ben 2173 “unità archivistiche” di 167 cooperative e consorzi confluiti nel tempo in Unicoop Firenze.

Il documento più vecchio è datato 1863, il più recente 2000, appena successivo alle ultime unificazioni del 1998 con la Unicoop Pontedera - Cooperative pisane riunite, e altre cooperative più piccole.

Alla presentazione hanno fatto gli onori di casa Daniela Mori, presidente del Consiglio di sorveglianza Unicoop Firenze e Antonio Comerci, responsabile dell’Archivio storico. Hanno partecipato Diana Toccafondi, Soprintendente archivistico e bibliografico della Toscana e il professor Pippo Russo, sociologo che ha illustrato il tema “Linguaggio e narrazione nei verbali di cooperativa”, in base alla ricerca fatta proprio nell’Archivio storico Unicoop Firenze. Angela Fuggi, archivista di Hyperborea che ha curato la catalogazione dei documenti, ha illustrato il lavoro svolto in questi anni.

Un po' di storia...

A partire dal 1973 nasce nella Soprintendenza archivistica della Toscana interesse per gli archivi di impresa, e anche per quello di Unicoop Firenze, allora Toscocoop. Nel 1972, infatti, si era tenuto un convegno che aveva avuto come tema proprio quello degli archivi di enti economici. Dopo circa un decennio, nel 1979, la soprintendente Francesca Morandini dà avvio ad un programma di censimento per gli archivi di impresa, incaricandone il dottor Renato  Del Fiol, e  tra il 1981 e il 1982 viene portato a termine il primo censimento dei fondi che compongono l’archivio di Unicoop Firenze.

La documentazione si trovava per la maggior parte già raccolta nella sede di via Santa Reparata, fatta eccezione per alcuni fondi che erano collocati nelle sedi di Rifredi, Empoli, Sesto Fiorentino, Colonnata. Sono censiti dai funzionari della Soprintendenza i fondi di 63 cooperative di consumo. I dati del censimento sono pubblicati in “Archivi di imprese industriali in Toscana” edito nel 1982.

11 marzo 1982 l’Archivio storico di Unicoop Firenze riceve la notifica di ”notevole interesse storico” dalla Soprintendenza archivistica della Toscana e quindi sottoposto alla disciplina stabilita dalla normativa sull’ordinamento degli Archivi di Stato. Negli anni ’90 e 2000 altri funzionari della Soprintendenza approfondiscono i dati raccolti e compilano nuovi elenchi. Ma il lavoro s’interrompe.

Nel settembre del 2011 si decide di continuare il lavoro interrotto, affidando a Hyperborea, una società specializzata nella gestione e sviluppo degli archivi, il compito di arrivare alla costituzione dell’Archivio storico di Unicoop Firenze. Dal settembre 2011 al novembre 2013 vengono catalogati tutti i documenti della sede di via Santa Reparata e quelli arrivati dalle altre sedi di Empoli, Pisa, Pontedera, San Casciano Val di Pesa, Sesto Fiorentino, Uliveto Terme. Il risultato è la guida archivistica “Il cammino di un’idea”, presentata nel corso di un convegno il 30 novembre 2013.

L’Archivio Storico dell’Unicoop Firenze conta circa “150 soggetti produttori”, cioè cooperative di consumo, per un totale di circa 2500 unità d’archivio che vanno dal 1885 al 2000. Nel 2015 l’archivio è stato sistemato in locali adeguati ed ampi, con sistemi antincendio specifici, e reso agibile alle visite. Inoltre è stato ricostruito l’archivio fotografico con oltre 15 mila immagini e sistemate le bandiere e gli stendardi ereditati dalle cooperative. Nel 2016 la messa on line della documentazione dell’Archivio e la riproduzione dei documenti più importanti.
 

Info: Ufficio comunicazione istituzionale Unicoop Firenze, 05547801


Riprese video Top Medias