Le novità dei prossimi mesi per i prodotti a marchio

Scritto da Melania Pellegrini |    Luglio-Agosto 2016    |    Pag. 17

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

Prodotto Coop

L’abito non fa il monaco ma… lo veste: per questo il prodotto a marchio Coop cambia veste, per comunicare di più e meglio a soci e consumatori le caratteristiche che lo rendono unico.

Si comincia dall’abc e si parte già da luglio: i primi prodotti con la nuova confezione sono la pasta e il cibo per animali, il cosiddetto pet food.

Per un certo periodo si potranno trovare gli stessi articoli nelle due versioni, nuovo e vecchio pacco, che gradualmente andrà a sparire.

Sarà forse meno immediato individuare i prodotti ma, ogni mese, ci sarà il gusto della scoperta di un look meno uniforme ma studiato su misura per ogni prodotto e proposto perché la confezione racconti al consumatore cosa sta comprando.

Si tratterà infatti di un cambiamento non banale con cui Coop vuole rispondere alle richieste di consumatori sempre più informati e interessati a ciò che mettono nel loro piatto.

La novità rientra nella filosofia di Coop, da sempre impegnata nel continuo miglioramento del prodotto per qualità, sicurezza e funzionalità e sempre, rigorosamente, seguendo la bussola della convenienza.

Anche l’intervento sul packaging – come in gergo si chiama la confezione – seguirà gli stessi criteri e, a parità di prezzo, non sarà solo un miglioramento estetico.

Scopo primario, anzi, sarà quello di rafforzare il rapporto di fiducia con i consumatori, evidenziando le qualità specifiche del prodotto, insieme a tutte quelle caratteristiche che rendono il prodotto a marchio una buona sintesi dei valori Coop: ambiente, rispetto del lavoro, qualità delle materie prime, sicurezza dei processi produttivi, per citare i principali che soci e consumatori mettono nel carrello quando scelgono di portare in tavola Coop.

Se l’occhio è ormai assuefatto al classico logo rosso su sfondo bianco e blu, nei prossimi mesi occorrerà aguzzare la vista per pescare qua e là i prodotti in abito nuovo: la fatica sarà ricompensata da etichette sempre più complete, diciture più chiare e leggibili e informazioni aggiuntive sugli aspetti qualitativi, nutrizionali e, fondamentale di questi tempi, sull’origine del prodotto e sulla sua filiera produttiva.

Sapere per scegliere e scegliere in sicurezza, secondo il più antico criterio che governa il mercato: è la legge della fiducia, quella che fa la differenza, tanto più in tempi incerti, di informazione che troppo spesso confonde le idee anziché chiarirle.

Il cambiamento sarà grande e se all’inizio riguarderà solo la confezione, nel corso del 2017 investirà anche altri aspetti che via via verranno presentati ai clienti, com’è accaduto per le tante novità introdotte negli anni da Coop.

Chi da sempre è affezionato al marchio, sa che nel tempo Coop ha già risposto alle esigenze dei propri soci e clienti con linee dedicate, basate sulla riconoscibilità del prodotto per quello che riguarda la solidarietà (con la linea Solidal), la qualità o necessità particolari dalle quali sono nate le linee crescendo, vivi verde, Bene.sì e fior fiore.

Il cambiamento non passerà inosservato, perché il passaggio dal vecchio al nuovo pacco sarà evidenziato da una coccarda rossa che aiuterà a individuare il prodotto sugli scaffali.

E nel caso non bastasse, l’aiuto verrà da tutti gli addetti del punto vendita, che guideranno soci e clienti alla ricerca della novità a marchio Coop.


Notizie correlate

Spesa e salute

Albicocche per la ricerca sull'Alzheimer, birra senza glutine a marchio Coop, cosmetica


Alle origini del logo

Una mostra nel prestigioso Museo del Novecento a Milano per gli ideatori del marchio Coop


Marchio Coop

Sicurezza a quattro zampe


Verginità garantita

Olio evo a marchio Coop