Scritto da Edi Ferrari |    Gennaio 2018    |    Pag. 46, 47

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Io sono chi di Alessia Arena

Io sono chi di Alessia Arena

BARBERINO VAL D’ELSA (FI)

Io sono Chi”

Il percorso di vita degli anziani residenti nelle Rsa del Chianti e della Valdipesa raccontato in uno spettacolo teatral-musicale: Io sono Chi – il 7 gennaio al Teatro comunale Regina Margherita di Marcialla – è la prima esperienza in Italia di teatro canzone che racconta la vita delle case di riposo attraverso un’indagine artistica sul corpo e l’identità degli anziani che vi risiedono. Ideato e interpretato da Alessia Arena, su testo originale di Valerio Nardoni, con la collaborazione artistica di Daniela Morozzi, si basa sulle interviste che la cantante ha effettuato ad un gruppo di anziani autosufficienti e non in quattro Rsa. L’esperienza è stata poi elaborata e tradotta in un testo originale. Lo spettacolo si arricchisce di alcune videoriprese realizzate nelle Rsa per raccontare il mondo delle case di riposo dal suo interno. Ingresso libero.

Info www.unionechiantifiorentino.it



FIRENZE

Da Brooklyn al Bargello

Torna a Firenze, al Museo Nazionale del Bargello, un capolavoro che ha lasciato l’Italia nel lontano 1898: la lunetta con la Resurrezione di Giovanni della Robbia. Commissionata probabilmente intorno al 1520 da Niccolò di Tommaso Antinori, che dette inizio alla fortuna imprenditoriale di questo antichissimo casato fiorentino, la lunetta è di dimensioni monumentali e resta oggi uno dei più notevoli esempi della produzione di Giovanni della Robbia, figlio di Andrea e insieme a lui continuatore della bottega del nonno Luca. Rimasta per quasi quattro secoli nella sua ubicazione originaria di Villa Le Rose, l’opera venne acquistata da Aaron Augustus Healy, importante uomo d’affari ma anche esperto collezionista e generoso mecenate, che la portò a New York per donarla al Brooklyn Museum. “Da Brooklyn al Bargello” fino all’8 aprile. Ingresso museo + mostra 4,50/9 euro.

Info 0552388606, www.bargellomusei.beniculturali.it


FIRENZE

Giorno della Memoria

Appuntamento il 26 gennaio al Mandela Forum con il meeting – organizzato dalla Regione Toscana, in collaborazione con la Fondazione Museo e il Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza di Prato – rivolto agli studenti toscani. Il tema di questa edizione è “Dal razzismo allo Stato di diritto (1938-2018)”. A ottant’anni dalle leggi ‘razziali’ del fascismo, a settant’anni dalla promulgazione della Costituzione della Repubblica italiana e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”. I ragazzi ascolteranno i racconti e le riflessioni dei testimoni della Shoah, della deportazione e dell’esilio e gli interventi di personaggi del mondo della cultura e delle istituzioni.

Iniziative per il Giorno della Memoria su www.regione.toscana.it/storiaememoriedel900


FIRENZE

A tutta birra

Un’offerta super-selezionata composta da oltre 150 birre artigianali alla spina prodotte da 25 birrifici italiani individuati dal voto di 100 esperti. Dal 19 al 21 gennaio “Birraio dell’Anno” torna all’Obihall di Firenze: ideato e organizzato dal network Fermento birra, il premio riconosce il miglior artigiano della birra italiana. Protagonista anche lo street food, con una selezione di banchi ricchi di sfiziosità toscane e non solo. In programma anche degustazioni e incontri gratuiti realizzati nell’area “Beer show”; mentre nello spazio “Beer match” si svolgono le degustazioni guidate (prenotazione obbligatoria). Orari: il 19 dalle 18 alle 01; il 20 dalle 12 alle 01; il 21 dalle 12 alle 22. Ingresso giornaliero 7 euro, abbonamento ai tre giorni 15 euro.

Info www.birraiodellanno.it


FIRENZE

Il miracolo del vetro

Visitabile fino al 29 gennaio al Museo archeologico nazionale, “Pretiosa vitrea. L’arte vetraria antica nei musei e nelle collezioni private della Toscana” è la prima mostra nel suo genere realizzata in Toscana. Tantissimi i materiali esposti: ben 314 vasi e frammenti in vetro, di cui 12 faraonici, 11 etruschi, 73 greci e 218 romani, di varia epoca e provenienza. Lungo un percorso che si sviluppa in 13 vetrine, è possibile conoscere e apprezzare un patrimonio dell’arte antica ad oggi pressoché ignoto. Visite guidate gratuite (comprese nel biglietto d’ingresso al Museo: 2/4 euro), sia in italiano sia in inglese, alle ore 10, 11 e 12 tutti i mercoledì, sabato e la prima e terza domenica del mese. Info 05523575.


LUCCA

Musica di ogni tempo


Mario Brunello - Foto G. Favotto Otium

Dal ritmo ancestrale delle percussioni alla sublime bellezza de La Morte e la fanciulla di Schubert passando attraverso nuove opere e grandi compositori. Ecco la Stagione 2018 dell’Associazione musicale lucchese, al via a gennaio con la musica da camera e con “Musica ragazzi”. La stagione cameristica inizia il 14 gennaio con un appuntamento completamente dedicato alle percussioni e al gruppo Tetraktis. Da segnalare anche il Quartetto Prometeo con Umana passione, concerto in cui la musica contemporanea di Matteo D’Amico incontra il testo di Sandro Cappelletto (voce narrante) ispirato a Il Vangelo secondo Gesù di Saramago; e il ritorno di Mario Brunello (violoncello) che insieme al pianista Enrico Pace darà vita all’ormai tradizionale omaggio a Luigi Boccherini, il concerto con cui a febbraio l’Aml celebra il compleanno del compositore lucchese. Stagione cameristica ingresso 10/12 euro.

Info 0583469960, www.associazionemusicalelucchese.it


MONTEVARCHI (AR)

L’elefante del Valdarno



Il Mammuthus meridionalis era un elefante di grandi dimensioni che poteva arrivare anche a 3,5 metri di altezza al garrese e a circa 8-9 tonnellate di peso, dalle tipiche zanne a spirale. Nell’autunno del 2016 sono stati rinvenuti nelle campagne di Terranuova Bracciolini alcuni resti di un esemplare di questa specie che popolava il Valdarno superiore nel corso del Pleistocene inferiore. I lavori di scavo, avviati a maggio 2017, si concluderanno in primavera, quando il reperto sarà trasferito al Museo paleontologico di Montevarchi per l’allestimento finale. Per sostenere lo scavo, il museo ha promosso una campagna di raccolta fondi in collaborazione con la sezione soci di Montevarchi, che comprende anche visite guidate ai laboratori di restauro. Appuntamento il 3 e 25 febbraio, alle 15.30. Costo 3 euro, prenotazione obbligatoria 055981227 o segreteria@accademiadelpoggio.it.

Info www.museopaleontologicomontevarchi.it


PARCO FORESTE CASENTINESI (AR)

La Befana con le ciaspole

Fra boschi e crinali, un’occasione unica per provare la progressione in salita con le racchette da neve in un bellissimo percorso in ambiente tipicamente invernale. È la proposta dell’associazione Ufficio guide per il 6 gennaio con un itinerario all’interno del Parco nazionale delle foreste casentinesi che arriva fin sulla cima del Monte Falterona (1654 metri). Niente paura: il percorso (4 ore) prevede un dislivello di 300 metri ed è adatto anche a chi prova le ciaspole per la prima volta. Ritrovo alle 8 davanti all’Obihall di Firenze, o in altro luogo da concordare con la guida. Costo 14 euro (più il costo del tesseramento annuale all’associazione, obbligatorio: 5 euro).

Info 3356322005, info@ufficioguide.it



PRATO

Aperitivo al Museo

In meno di tre mesi dalla sua apertura sono stati 10.000 i visitatori che hanno apprezzato questa esposizione ricca di arte e storia, ed è per questo che è stata posticipata al 25 febbraio la chiusura della mostra “Legati da una Cintola” al Museo di Palazzo Pretorio (ricordiamo che c’è l’ingresso ridotto per i soci). C’è quindi ancora tempo per addentrarsi in un racconto suggestivo che si muove lungo i secoli e rende omaggio non solo alla Cintola mariana, la preziosa reliquia custodita nel Duomo di Prato, ma consente di accendere un fascio di luce intenso sull’arte del Trecento. L’11 gennaio alle 18.30 per i soci un evento speciale che comprende visita guidata alla mostra e un aperitivo nelle sale del piano terra del museo. Costo 15 euro; posti limitati, prenotazioni in biglietteria. Info 05741837860.

Info www.palazzopretorio.prato.it


PRATO

Doppio appuntamento al Pecci

Museo Pecci 

Due percorsi espositivi, articolati fra l’ala grande del nuovo e metà del vecchio edificio museale, suddivisi in otto sezioni, raccontano una prima parte del patrimonio d’arte contemporanea raccolto negli ultimi tre decenni dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci: i lavori di sessanta artisti italiani e internazionali, raccolti sotto il titolo “Dalla caverna alla luna. Viaggio dentro la collezione del Centro Pecci”, sono visibili fino al 28 febbraio. Così come “Più vicino – più lontano”, la prima retrospettiva in Italia di uno dei massimi rappresentanti dell’arte e del cinema sperimentale polacco, Józef Robakowski. La mostra presenta alcune delle opere più significative dell’autore e della sua ricerca sul linguaggio cinematografico e il montaggio. Da martedì a domenica, con orario 11-23. Ingresso 10 euro, per i soci 7.

Info www.centropecci.it


SIENA

Viaggio in Cina

Nel settembre 1955 un gruppo di intellettuali italiani partecipava alla prima delegazione in visita ufficiale nella Repubblica popolare cinese (costituita nel 1949). Oltre a Franco Fortini (la mostra rientra nei festeggiamenti per il centenario della sua nascita), ne facevano parte altri importanti personaggi della cultura novecentesca, tra i quali Norberto Bobbio, Carlo Cassola, Ernesto Treccani, Antonello Trombadori, Piero Calamandrei. Recarsi in Cina era un sogno, come sottolineava Treccani qualche tempo dopo, un momento al quale nessuno di loro poteva rinunciare. A raccontare quel viaggio è “Je voudrai savoir”, rassegna essenzialmente fotografica, anche se accompagnata da una parte documentaria. Fino al 7 gennaio al Santa Maria della Scala. Ingresso 7/9 euro.

Info 0577286300


SIENA

La Francigena per i più piccoli

Ogni sabato, fino al 24 febbraio, Siena dedica ai bambini un percorso speciale alla scoperta della Via Francigena. “#SienaFrancigenaKids” è il primo trekking urbano formato baby per calarsi nei panni degli antichi viandanti e scoprire il Santa Maria della Scala, uno degli ospedali più antichi d’Europa, attraverso la guida di una balia medievale che racconterà la storia dell’antica via Romea e dei viandanti diretti a Roma da Canterbury. Nel costo del biglietto (7,50 euro per i bambini fino a 14 anni, 10 per gli adulti) sono compresi la visita guidata teatralizzata al Pellegrinaio del Santa Maria della Scala e lungo i tratti urbani previsti dall’itinerario, lo zainetto ufficiale di #SienaFrancigenaKids, la “Merenda del Pellegrino” per i bambini e la “Pausa Caffè dolce” per gli adulti. Partenza alle 15 da piazza Duomo.

Info e prenotazioni 3476137678 - 3480216972, sienasms@c-way.it