Tre incontri a Pistoia per scoprire i segreti dei profumi vegetali

Scritto da Olivia Bongianni |    Febbraio 2016    |    Pag. 45

Laureata in scienze della comunicazione con una tesi su "Il cuore si scioglie", è giornalista professionista.

Si è occupata di organizzazione di eventi e ha collaborato con alcuni uffici stampa. Ha scritto articoli per l'Unità.

Collabora con un'agenzia di comunicazione e ha scritto per la rivista "aut&aut" su tematiche relative all'innovazione nella Pubblica amministrazione.

È appassionata di lettura, cinema, calcio.

Fabio Coralli

Aromaterapia

Alla scoperta degli olii essenziali, composti aromatici che racchiudono in una singola goccia la potenza della pianta. È l’obiettivo di tre incontri che si svolgeranno a Pistoia (sala soci, 5, 12 e 19 febbraio) tenuti da Fabio Coralli, ingegnere ambientale che ha sviluppato negli anni un particolare interesse verso il potere delle piante, e la capacità dell’aromaterapia di influire sul benessere delle persone.

«L’idea di fondo è quella di riscoprire gli elementi della natura, biologici, non lavorati, riducendo l’impiego di sostanze chimiche nelle nostre case e nelle nostre vite - spiega Coralli -. Le frequenze vitali delle piante sono in grado di interagire con il nostro stato fisico, emozionale e spirituale, aiutando il nostro corpo a sentirsi più forte, e contribuendo a migliorare l’ambiente in cui viviamo».

Forse non tutti sanno, ad esempio, che l’olio essenziale di lavanda, dall’aroma gradevole e dal potere calmante, può essere applicato come disinfettante in caso di piccoli tagli e ustioni.

Se si ha un forte mal di testa, un massaggio alle tempie o alla nuca con olio essenziale di menta può aiutare a far passare il dolore, ma anche la semplice inalazione può dare una sensazione di sollievo. Una gocciolina di olio di menta in un bicchiere d’acqua può aiutare la digestione dopo un pasto pesante, mentre una goccia di olio essenziale di limone ogni mattina può contribuire a purificare l’organismo.

Oltre a rappresentare un “alleato” per alcuni problemi fisici, gli olii essenziali possono essere utilizzati anche nell’ambiente domestico: quello di limone disinfetta l’insalata (distrugge i derivati del petrolio eventualmente presenti sulle foglie), deterge superfici appiccicose e deodora la casa.

Molti estratti possono essere diffusi nell’aria per purificarla: alcuni contengono particelle con un vero e proprio potere battericida o funghicida (utili ad esempio contro le muffe causate dall’umidità). Ma in generale fa bene anche solo respirarne il profumo, per l’effetto emozionale degli odori, capaci di richiamare alla memoria luoghi e situazioni.

In alcuni casi gli olii si possono applicare puri sulla pelle (un tipo particolare di applicazione è sotto i piedi, con un effetto immediato), mentre per un massaggio rigenerante o rilassante su tutto il corpo possono essere diluiti nell’olio di oliva o di semi. «Fondamentale – chiarisce Coralli – è che la materia prima sia di qualità: bisogna conoscere bene il prodotto prima di usarlo».

Ugualmente importante è il benessere emozionale e spirituale: alcuni olii essenziali, come l’incenso, favoriscono la meditazione, ma più in generale le sostanze aromatiche possono agire sul nostro stato d’animo e rappresentare un supporto in situazioni di stress o ansia (la lavanda, è un aiuto in caso di insonnia).

Gli olii essenziali di limone e agrumi, ad esempio, hanno un potere antidepressivo naturale. Alcuni composti contenenti rosa, geranio, bergamotto, limone, coriandolo e camomilla riescono a donare una sensazione generale di sollievo. La menta aiuta ad accrescere la concentrazione e la lucidità mentale.

Infine, alcuni mix di olii (a base di rosmarino, chiodi di garofano, limone) possono contribuire a rafforzare il nostro sistema immunitario in vista dei mali di stagione: è un po’ come se prendessimo in prestito il sistema di difesa della pianta per portarlo sempre con noi.

Corso di aromaterapia

Il 5-12-19 febbraio
sala soci Coop Pistoia, viale Adua
ore 17.30-19
Info: 3475969951