Sani e in forma senza rinunciare al gusto

Scritto da Sara Barbanera |    Febbraio 2018    |    Pag. 15

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

carboidrati Il parere dell’esperta

Conciliare gusto e corretta alimentazione, consumando anche alimenti più calorici: a darci qualche consiglio è la dottoressa Emma Balsimelli, nutrizionista e biotecnologa.


Pizza, dolci, cioccolato… sì o no?

«La logica da adottare non è “sì o no”, ma quando e come consumare alimenti più ricchi di carboidrati e grassi che mettono a rischio salute e linea: in un regime che è ogni giorno corretto, c’è spazio anche per lo sfizio giusto, da gustare senza sensi di colpa. Oltre che di nutrimento, il cibo è fonte di piacere e soddisfazione: negarsi continuamente alimenti “vietati” alla lunga crea ansia e paura del cibo e porta poi a sgarrare in modo eccessivo».


Quali cibi e quando?

«Per fare onore alla nostra tradizione gastronomica, via libera a una pizza a settimana, magari fatta in casa con lievito naturale che garantisce un’alta digeribilità grazie alla fermentazione dei batteri lattici, è privo di additivi e conservanti e favorisce l’assorbimento di sostanze come antiossidanti, acido folico e vitamine del gruppo B. Per il condimento, un’alternativa alla passata di pomodoro è una crema di verdure lessate e spezie a cui aggiungere ingredienti a crudo: ad esempio, crema di carote e rosmarino con bresaola, crema di radicchio con funghi, crema di zucca e prosciutto crudo, crema di zucchine e basilico e gamberetti».


E sul fronte “dolci”?

«La mente va subito al re dei comfort food, quegli alimenti che ci fanno stare bene anche in piccole dosi: il cioccolato, purché solo fondente al 70% o superiore, contiene antiossidanti nemici del colesterolo e con proprietà anti-infiammatorie. Inoltre può abbassare i livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, e funziona da stabilizzatore dell’umore. Sì anche a un dolce fatto in casa: un suggerimento di stagione, il berlingozzo, ciambellone toscano tipico del Carnevale dalle antiche origini, che rimanda al verbo berlingare, cioè divertirsi e spassarsela a tavola, e al berlingaccio, che indicava il giovedì grasso e una maschera del 1400. Si può preparare senza latte né burro, con uova, farina, zucchero, lievito e olio di oliva, perché anche la colazione o la merenda dei più piccoli siano una piccola festa del palato».




Notizie correlate

varietà di patate

Tutti i gusti delle patate

Bianche, gialle, rosse o blu, bollite o al vapore sono una valida alternativa a pane e pasta


Stufati

Stufati e stracotti

Lunghe cotture con tanti odori. Con il sugo, una bella pasta