Scritto da Antonio Comerci |    Luglio-Agosto 2017    |    Pag. 30, 31

Da molti anni nell'Unicoop Firenze, si è occupato di varie tematiche, soprattutto dal punto di vista consumerista.

Autore di alcune pubblicazioni: Guida alla spesa - per spendere meglio e sapere cosa si compra Ecologia domestica - suggerimenti per rispettare l'ambiente Vivere la sicurezza - i pericoli dell'ambiente domestico.

Nel 1982 ha organizzato le Giornate dei giovani consumatori, a Firenze, che hanno visto la partecipazione di oltre 12 mila studenti e sono state la prima esperienza in grande stile della Coop nel mondo della scuola e dell'educazione ai consumi.

Dirige dal 1981 l'Informatore, mensile che viene inviato ai soci dell'Unicoop Firenze, con una tiratura di oltre 600 mila copie. Dal '92 è responsabile della comunicazione istituzionale dell'Unicoop Firenze.

Nel 2007 ha pubblicato per "I tipi" della Mauro Pagliai Editore, il libro "sComunicati. ­ Viaggio fra i mezzi e i messaggi della società che comunica", con la prefazione del prof. Carlo Sorrentino, docente dell'Università di Firenze (scheda del libro).

Zucchero di canna Le lettere dei soci

Canna o non canna

Ho fatto una prova ed ho schiacciato col fondo di un bicchiere lo zucchero “di canna” acquistato in uno dei vostri punti vendita e, come segnalato su un social network, questo è risultato bianco ed è evidente che è tutto meno che di canna da zucchero. Non sarebbe corretto da parte vostra avvertire i consumatori che si tratta invece di zucchero caramellato e cioè del classico zucchero di barbabietola con in più un ulteriore trattamento?

R. G. - Colle di Val d’Elsa (Si)


È la solita bufala che circola su internet. Tutti gli zuccheri di canna a noi forniti contengono solo la naturale melassa della canna e nessun additivo o colorante. Il fenomeno descritto è con ogni probabilità da attribuire all’effetto di rifrazione della luce. I cristalli dello zucchero sono infatti trasparenti (leggermente ambrati quelli di canna). Stessa cosa avviene quando si procede macinando lo zucchero di canna, rompendone i cristalli: la polvere appare di colore bianco. (A cura dell’Ufficio qualità di Unicoop Firenze)


Il bollino di troppo

Sta diventando veramente fastidiosa, per me, la presenza sulla frutta di bollini adesivi. Non sulla confezione, ma su tutti i kiwi o arance o mele o qualsiasi frutto. Lo so che non siete voi, anzi la frutta della linea Fior fiore non ha i bollini e lo apprezzo, mi sembra assolutamente corretto che acquisti e mangi un frutto perché è buono non perché ha il bollino. Non potreste sollecitare i produttori a evitarli ed a fare marketing solo con la qualità e il prezzo? Tutti questi bollini producono rifiuti e sono pure fastidiosi quando vado a lavare la frutta e francamente io neanche li leggo da come sono piccoli.

M. L. - E-mail


Tutto cominciò con “il bollino blu” delle banane Chiquita e poi, piano piano, tutti i produttori hanno teso a valorizzare i propri frutti con un bollino, tanto che oggi ha scarso valore distintivo e si presenta come un piccolo fastidio in più per il consumatore. Abbiamo inoltrato la segnalazione del socio ai colleghi che seguono gli acquisti.


Estratto per mail

Che la rendita sul prestito sociale sia stata ridotta quasi a zero non è una novità e non siete i soli, però anche la banca un paio di euro su un deposito li concede e te lo manda anche a dire, la Coop quest'anno nulla? Insomma è possibile sapere a quanto ammonta il prestito del conto al 31 dicembre 2016 e quanto ha reso, se ha reso?

G. C. - San Miniato (Pi)


A partire da quest’anno la scheda con i movimenti del deposito ordinario non è stata inviata per posta, ma trasmessa per via telematica a tutti coloro che hanno sottoscritto il modulo di richiesta di invio tramite posta elettronica. Per tutti gli altri soci è disponibile presso le sezioni di Prestito sociale, a richiesta del titolare, o del delegato, munito di libretto e documento d’identità. In quell’occasione, il titolare del deposito potrà richiedere, per le future comunicazioni, di sottoscrivere il documento per l’invio in posta elettronica. (a cura dell’ufficio Prestito sociale)


Controlli con premio

Sono un socio e voglio chiedere di premiare con punti chi, usando il Salvatempo, incorre nei controlli della spesa aggiuntivi e con risultato corretto. Ritengo tali controlli necessari e il risultato corretto dovrebbe essere prassi normale, ma il socio che deve farsi ricontrollare la spesa lavora 2 volte, per questo penso sia da premiare.

G. B. - Prato


Chi non commette errori, va incontro a controlli molto rari e sarebbe penalizzato, nel caso di un "premio" per aver fatto i conteggi giusti, rispetto a chi fa qualche errore in più e ai controlli successivi risulta in regola e poi premiato. Sarebbero esclusi dal premio, infine, anche quei soci che non scelgono il Salvatempo magari perché spesso sono anziani e hanno paura di sbagliare. Comunque, le segnalazioni dei nostri soci sono sempre all’attenzione delle direzioni interessate e le nostre scelte sempre suscettibili di cambiamento; quindi ringraziamo il socio per averci scritto e per la sua segnalazione.


Biscotti frantumati

Nella mia famiglia si consumano biscotti Coop, in particolare “frollini con crema di riso” e un altro tipo integrale, con grano saraceno. Da diverso tempo, molto spesso, trovo confezioni con contenuto prevalentemente tritato. Dico tritato perché non si tratta di qualche biscotto spezzato, ma della quasi totalità del contenuto completamente frantumato. Nella speranza che si trattasse di episodi sporadici e comunque evitabili, ho segnalato l’inconveniente più volte, ma le cose non sono cambiate.

G. P. - Firenze


Il difetto è stato segnalato anche da altri consumatori e sono già stati coinvolti i colleghi di Coop Italia che gestiscono i prodotti a marchio. Le cause possono riguardare il trasporto e il maneggio del prodotto sullo scaffale. Ma anche la formulazione del prodotto, recentemente rivista per l’eliminazione dell’olio di palma. Coop Italia è già intervenuta per risolvere l’inconveniente, ma l’impegno e il monitoraggio del prodotto proseguirà con costanza. (A cura dell’Ufficio qualità di Unicoop Firenze)


Senza palla

Al supermercato Coop dove mi servo mi hanno detto che la “palla” per inserire il detergente liquido direttamente nel cestello non c’è più con il prodotto, ma potrebbe essere richiesta direttamente a voi.

P. P. - Firenze


Il dosatore per il detersivo lavatrice non c’è da un po’ di tempo. I detersivi liquidi sono ora più concentrati e in tutti i prodotti il tappo funziona da misurino.



Gelati d’inverno

Vorrei informazioni sul motivo della limitata varietà di gusti della linea gelati a marchio Coop. In quanto deliziosi farebbe piacere avere una più ampia scelta. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione.

A. F. - Santa Croce sull’Arno (Pi)


La mail è stata inviata nei primi giorni d’aprile, quando l’assortimento di gelati era quello invernale. Già dai primi di maggio abbiamo l’assortimento estivo con una gamma di gelati molto più ampia. Dato che abbiamo spazi limitati per i surgelati, d’inverno ampliamo l’assortimento delle verdure e in estate quello dei gelati. (Emidio Granchi, Direzione merci Unicoop Firenze)


Assemblee dove

Vi scrivo perché desidero partecipare alla prossima assemblea consultiva dei soci. Non so con certezza quale sia (a livello territoriale) la sezione soci alla quale devo recarmi per esercitare questo mio diritto. Consultando il vostro sito web mi pare di aver capito che la mia zona di riferimento l’avete inserita nell’area Firenze-Nord Est e quindi l'assemblea dei soci a cui dovrei partecipare è quella nella zona di Coverciano, ovvero distante da casa mia. Vorrei sapere se è possibile partecipare ad altre assemblee, ad esempio all’Isolotto, a Gavinana... dove per vari motivi mi sarebbe più facile arrivare.

C. F. - Firenze


È un tema fuori tempo quello della lettera che pubblichiamo, ma può essere utile chiarire questo aspetto anche per la prossima tornata di assemblee. I soci possono partecipare anche ad altre assemblee non della propria sezione soci di residenza, ma possono votare solo nella propria sezione. Ci rendiamo conto che questo è un limite che in alcuni casi può essere ingiustificato, ma ad oggi ci sono problemi organizzativi che dobbiamo ancora superare.


Magia di un libro

Cercando tra i miei libri dell’infanzia da far leggere alla mia nipotina, mi è capitato Il mago di Oz, in terza pagina c’è il timbro “Cooperativa di Bagno a Ripoli sede di Antella”; all’epoca abitavo in quel Comune. E mi sono ricordata come lo avevo ricevuto: ogni anno c’era una cerimonia con il sindaco e un dirigente della Coop, per premiare i bambini più meritevoli delle scuole elementari, e veniva consegnato pubblicamente a ciascuno un libro ed una piccola somma di denaro come premio al loro impegno. Questo lontano ricordo (anno 1957) mi ha un po’ commosso e volevo farvene partecipi.

G. S. - Barberino di Mugello (Fi)


Agli colorati

Vorrei segnalare la dubbia qualità dell’aglio acquistato pochi giorni fa presso un supermercato Coop di Firenze. Mi è capitato altre volte di acquistare agli e di trovare alcuni spicchi non edibili, perché un po’ “asciutti”, ma una cosa del genere non l’avevo mai vista, gli spicchi hanno le sembianze di albicocche essiccate, non di agli. Mi chiedo quanto siano di qualità i prodotti chimici che si utilizzano per produrre in maniera intensiva gli ortaggi.

I. S. - Certaldo


Ci siamo scusati per quanto avvenuto e abbiamo coinvolto il fornitore per sapere cosa fosse successo. Il difetto consiste nella presenza di rari e isolati spicchi di colore arancione, ambrato. Tale caratteristica, citata in numerose fonti bibliografiche e addirittura prevista come “fisiologica” negli standard di riferimento internazionali, non impatta sulla sicurezza alimentare del prodotto e non rappresenta pertanto un rischio per il consumatore. Secondo le più recenti ricerche, potrebbe essere conseguenza di un clima caldo in fase di raccolta o, ancora, di variazioni repentine di temperatura, umidità o ventilazione nel corso dello stoccaggio. Il fenomeno non viene correlato con l’utilizzo di qualsivoglia prodotto chimico e o trattamento.


Anticipo inopportuno

Ieri 31 maggio avevo intenzione di recarmi alla Coop per fare la spesa e ho pensato di verificare su internet quali fossero le promozioni in corso. Purtroppo, nonostante ancora fosse maggio i volantini pubblicati on line erano già quelli che sarebbero iniziati il primo di giugno, pertanto non ho potuto verificare le offerte in scadenza quel giorno. Mi chiedo per quale motivo Coop non pubblichi sul sito sia il volantino in scadenza che quello nuovo per una maggiore trasparenza.

C. C. - Firenze


Le nuove promozioni sono messe sul sito 12 ore prima della loro validità, quindi la promozione in corso manca per poche ore nel pomeriggio dell’ultimo giorno di validità. Accogliendo la segnalazione della socia, lasceremo le promozioni fino alla scadenza, ma metteremo un link alle nuove promozioni qualche giorno prima dell’inizio, dando modo così ai soci di programmare i loro acquisti.