I vini Fior fiore scelti insieme all'Associazione italiana sommelier

Scritto da Melania Pellegrini |    Dicembre 2017    |    Pag. 13

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

Prodotti Fior Fiore

Si brinda a un nuovo arrivo in casa Fior fiore: ad arricchire questa grande famiglia, di oltre 400 prodotti, si è aggiunto il vino. Anzi, i vini, perché a oggi sono sette le etichette di vini a marchio Fior fiore rappresentativi di regioni, territori, vitigni, colture, culture e realtà produttive molto diverse tra loro.

Pregiati vini rossi, bianchi e spumanti nati dalla collaborazione di Coop con alcune delle migliori cantine italiane e l'Associazione italiana sommelier. Una volta scelto il progetto presentato da ciascuna cantina, ogni vino è stato assaggiato e valutato da un gruppo di sommelier dell'associazione secondo criteri di gusto, ma non solo. La scelta è caduta sui vini che più valorizzano il proprio legame con il territorio e i valori Coop: trasparenza, sicurezza, etica, attenzione per l’ambiente. Sulle etichette il nome delle cantine è riportato ben visibile e riconoscibile insieme al marchio Fior fiore.

I primi vini ad arrivare nei punti vendita sono stati due spumanti, il Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg millesimato e il Monogram Franciacorta Pas Dosé Docg millesimato, tre rossi, il Bravìolo rosso Toscana Igt, il Casalguerro Lambrusco di Modena Dop e il Primitivo di Manduria Dop, e due bianchi fermi, il Friuli Colli orientali Sauvignon Dop e il Gewürztraminer Südtirol Alto Adige. Nei prossimi mesi a questi si aggiungeranno nuove proposte selezionate per rappresentare ancor più la varietà e la ricchezza della cultura vitivinicola del nostro Paese.

Ogni vino Fior fiore ha una sua storia ed è stato scelto per la sua unicità legata a un determinato vitigno, o a un particolare processo di affinamento o, ancora, di invecchiamento superiore.

A garanzia del consumatore, per questi vini Coop assicura la tracciabilità di filiera certificata a ritroso sino alle aziende agricole produttrici delle uve. Inoltre, le cantine selezionate per la produzione dei vini a marchio Fior fiore hanno sottoscritto l’impegno di fornire in massima trasparenza tutte le informazioni rispetto ai propri processi produttivi e alle pratiche enologiche utilizzate. Per tutti gli aspetti relativi alla sicurezza, ai requisiti igienico-sanitari e al rispetto dell'eticità della filiera, il processo di produzione è sempre verificato da Coop.


Notizie correlate

vendemmia notturna

Le vie della vendemmia

La qualità e tutti i segreti del vino di quest’anno

Photogallery

Poggio al Casone

Il vino delle lepri

Vigneti come oasi ecologiche e di ripopolamento


vigneto toscano

Annata cinque stelle!

Un settore, quello del vino, decisivo per l’economia della nostra regione