UN RACCONTO ITALIANO IN TEMPO DI PESTE

Categorie: teatro

Progetto e regia Sergio Maifredi. Con Tullio Solenghi. Con il patrocinio dell’Ente Nazionale Boccaccio. In collaborazione con Gian Luca Favetto. Consulente letterario Maurizio Fiorilla.

Tullio Solenghi restituisce la lingua originale di Giovanni Boccaccio rendendola accessibile e comprensibile come fosse la lingua di un testo contemporaneo. Uno spettacolo divertente e colto davvero per tutti che porta in scena la lettura interpretata di sei tra le più note novelle: “Chichibio e la gru”, “Peronella”, “Federigo Degli Alberighi”, “Masetto di Lamporecchio”, “Madonna Filippa”, “Alibech.

Boccaccio ha il merito di aver elaborato il primo grande progetto narrativo della letteratura occidentale, inserendo i cento racconti in un libro organico capace di rappresentare, la varietà e complessità del mondo. A tutti è concessa una storia, dai re agli operai.

“Il nostro lavoro non è stato attualizzare Boccaccio, ma conservarne e curarne il suo essere contemporaneo. Quindi: non trasferirlo nel nostro tempo, ma mantenerlo contemporaneo a noi. L’essere contemporaneo ha bisogno della giusta distanza.” (Sergio Maifredi)

Tutte le date

Da: 10/01/2018 - ore 21:15

Teatro Sala Banti

Agevolazioni per i soci

Contatti

tel. 3924759365

www.toscanaspettacolo.com

Indirizzo

Piazza della Libertà 3, MONTEMURLO (Prato)


Prezzo per i soci: 10,00 €

Prezzo per i non soci: 12,00 €