Header_cultura

L’Italiana in Algeri

Enti e teatri convenzionati

Spettacoli nel carrello

Fai la spesa e prenota il teatro!

Dramma giocoso in due atti di Angelo Anelli. Musica di Gioachino Rossini. Personaggi e interpreti: Mustafa: Alessandro Abis; Lindoro: Diego Godoy: Taddeo: Nicola Ziccardi; Elvira: Giulia Della Peruta; Isabella: Antonella Colaianni; Zulma: Caterina Poggini; Haly: Alex Martini. Direttore Francesco Pasqualetti. Regia Stefano Vizioli. Scene e costumi Ugo Nespolo. Scenografo assistente Emanuele Sinisi. Aiuto regista e coreografo Pierluigi Vanelli. Luci Michele Della Mea. Orchestra Arché. Coro Ars Lyrica, maestro del coro Marco Bargagna. Nuovo allestimento Teatro di Pisa e Teatro Lirico "Giuseppe Verdi" di Trieste. Coproduzione Teatro di Pisa e Teatro Sociale di Rovigo.

Un vero e proprio caposaldo della produzione rossiniana. Si suole infatti far risalire l’aureo momento dell’esplosione di Rossini nei teatri italiani, la sua precoce conquista d’un successo destinato a non venir mai meno, all’anno 1813, quando il ventunenne compositore sbancò i teatri veneziani con due capolavori, l’uno serio dato alla Fenice il 6 febbraio, “Tancredi”, e l’altro buffo dato al San Benedetto il 22 maggio, “L’Italiana in Algeri”, appunto.

Nella sua acuminata e coloratissima veste sonora, “L’Italiana in Algeri” fu qualcosa di veramente inusitato per il costume musicale dell’epoca: per le vertigini d’una coloratura vocale che proprio qui approdavano all’opera buffa senza visibili differenze rispetto alla scrittura dell’opera seria (fino ad allora luogo deputato dell’esibizione belcantistica), per le innovazioni determinanti della drammaturgia, per le straordinarie finezze orchestrali.

La trama è nota (e si ispira a un fatto di cronaca, la vicenda di una signora milanese, Antonietta Frappolli, rapita dai corsari nel 1805, portata nell’harem del Bey di Algeri e poi tornata in Italia): il Bey di Algeri Mustafà brama una nuova moglie, possibilmente italiana. Si è infatti stancato di Elvira, la sua sposa, e, per liberarsene, decide di maritarla al suo giovane schiavo italiano Lindoro. In una scorreria di pirati, il suo fedele corsaro Haly ha notato fra i prigionieri un’italiana bellissima, Isabella, che si era imbarcata, accompagnata da Taddeo, suo irriducibile spasimante, alla ricerca del fidanzato di cui da tempo non aveva più notizie: proprio quel Lindoro schiavo del Bey. Una volta a palazzo, Isabella riuscirà con il suo fascino, la sua intelligenza e la sua astuzia, ad aver ragione di Mustafà e a ripartire da Algeri con Lindoro e tutti gli altri schiavi italiani. A Mustafà non resta che tornare, scornato, all'amore di Elvira.

Firma scene e costumi di questa nuovo allestimento uno dei massimi artisti contemporanei, Ugo Nespolo.

Tutte le date

Da: 10/03/2018

A: 11/03/2018

Teatro Verdi di Pisa

Agevolazioni per i soci

Contatti

050 941111

www.teatrodipisa.pi.it

Indirizzo

Via Palestro, 40, PISA (Pisa)

Prezzo per i soci: Da € 20,00 a € 37,50

Prezzo per i non soci: Da € 21,00 a € 44,00

(Platea, posto palco centrale I e II ord. € 44,00; ridotto € 40,00; soci Coop € 37,50; posto palco centrale III ord. e posto palco laterale I e II ord. € 38,00; ridotto € 34,00; soci Coop € 32,00; posto 1^ galleria e posto palco laterale III ord. € 23,00; ridotto € 21,00; soci Coop € 20,00.)

Eventi in evidenza

Nascita di una Nazione

16/03/2018 - 22/07/2018

Campi estivi nei Musei Civici Fiorentini

01/06/2018 - 14/09/2018

Gong

02/06/2018 - 14/10/2018

Il Prigioniero / Quattro pezzi sacri

23/06/2018

Zubin Mehta / Sir András Schiff I

28/06/2018

Ci scusiamo per il disagio

30/06/2018 - 01/07/2018

MusArt Festival

17/07/2018 - 28/07/2018

MusArt Festival

17/07/2018 - 28/07/2018