Bilancio Coop 2015 - Unicoop Firenze

Stato patrimoniale

Attività

Immobilizzazioni immateriali: rappresentano il valore dei fattori produttivi immateriali, sostanzialmente riconducibili a software.

Immobilizzazioni materiali: rappresentano il valore dei fattori produttivi durevoli impiegati nell’attività - in particolare fabbricati, impianti, attrezzature e macchinari - e sono valorizzate al netto dei fondi di ammortamento.

Immobilizzazioni finanziarie: rappresentano il valore dei fattori di natura finanziaria destinati a essere mantenuti stabilmente nel patrimonio (titoli) – sono qui valorizzate anche le partecipazioni nelle società controllate Doc*Roma srl, Cerealia srl, Il Pino srl e nelle collegate Levante srl, Integra spa, Lus srl.

Rimanenze: sono le rimanenze di merci inventariate a fine anno nei nostri negozi e magazzini.

Crediti: i più significativi sono quelli da ricavi commerciali e rapporti di fornitura da magazzino verso le cooperative associate, oltre ai crediti verso le società controllate e collegate e verso l’erario, relativi principalmente al credito Iva e al versamento degli acconti di imposte.

Attività finanziarie correnti: sono costituite principalmente da titoli di Stato.

Disponibilità liquide: sono i depositi bancari e i valori in cassa al 31 dicembre 2015.

Ratei e risconti attivi: si tratta di interessi su titoli in corso di maturazione.

Passività

Capitale sociale: rappresenta il valore delle quote sociali versate da 1.253.541 iscritti a libro soci al 31 dicembre 2015.

L’aumento, rispetto al 2014, è dovuto alle quote dei nuovi soci ammessi nel corso dell’anno.

Riserve: rappresentano il valore prodotto dalla cooperativa nel corso della sua attività pluriennale. Sono composte principalmente dagli utili conseguiti e accantonati negli anni.

Fondi per rischi e oneri: comprendono, fra l’altro, il fondo operazione a premio che rappresenta il valore dei punti dell’operazione di fidelizzazione ancora in possesso dei soci a fine anno e altri accantonamenti.

Trattamento di fine rapporto: rappresenta il valore delle liquidazioni accantonate per il personale dipendente al 31 dicembre 2015.

Debiti verso soci: si tratta del prestito sociale; è comprensivo anche degli interessi maturati nell’anno nei confronti dei soci prestatori, che al 31 dicembre 2015 erano 235.408.

Altri debiti: sono composti principalmente da debiti verso fornitori. Non vi sono debiti nei confronti di istituti bancari.

Ratei e risconti passivi: sono relativi a componenti economiche degli esercizi successivi.

Conto economico

Valore della produzione: vi sono compresi tutti i ricavi che la cooperativa ha conseguito nell’anno, esclusi quelli che hanno natura finanziaria e straordinaria.

Fra questi abbiamo:

- Ricavi per vendite e prestazioni: sono indicati al netto dell’Iva e comprendono le vendite al dettaglio dei punti di vendita, le vendite all’ingrosso dei magazzini e i ricavi per servizi commerciali, cioè le attività promozionali in collaborazione con i nostri fornitori.

- Altri ricavi e proventi: si riferiscono principalmente a ricavi di natura immobiliare.

Costi per merci: rappresentano il valore dei beni acquistati dalla cooperativa per lo svolgimento dell’attività.

Costi per servizi: sono principalmente riconducibili a costi per utenze energetiche, manutenzioni fabbricati, impianti e macchinari, assicurazioni, vigilanza e prestazioni pubblicitarie.

Costi per godimento beni di terzi: sono relativi a locazioni passive nonché a noleggi.

Costo per il personale: il numero dei dipendenti al 31 dicembre 2015 si è attestato sulle 7938 unità.

Ammortamenti e svalutazioni: principalmente si tratta di ammortamenti che rappresentano la stima del costo di competenza dell’esercizio derivante dall’utilizzo di beni che hanno durata pluriennale. Le svalutazioni sono rettifiche sui crediti.

Accantonamenti: rappresentano in particolare il valore dei punti dell’operazione di fidelizzazione ancora in possesso dei soci a fine anno e altri accantonamenti a fronte di oneri futuri.

Oneri diversi di gestione: in particolare sono costi relativi all’imposta sugli immobili, licenze e permessi.

Differenza fra il valore e i costi di produzione: esprime il valore prodotto nell’esercizio 2015 dalla cooperativa, ad eccezione delle poste finanziarie e straordinarie.

Proventi e oneri finanziari: sono sostanzialmente proventi per interessi sui titoli e oneri per interessi sul prestito.

Rettifiche di attività finanziarie: rappresentano l’adeguamento dei valori delle attività finanziarie. In particolare contengono rettifiche di valutazione, prudentemente effettuate, sulle partecipazioni nelle società controllate dalla cooperativa, nonché l’allineamento dei valori dei titoli del circolante ai valori di fine periodo.

Proventi e oneri straordinari: sono sostanzialmente riferibili alla plusvalenza derivante dalla cessione della partecipazione nella Bbc srl (Obi).

Imposte sul reddito: le imposte dell’esercizio 2015 sono pari a 13,1 milioni di euro.

Risultato di esercizio: la differenza fra costi e ricavi determina un utile di € 68.650.422.

Tutela del potere d'acquisto

La campagna Tutela totale non è stata una campagna promozionale ma un intervento strutturale di diminuzione dei prezzi a favore dei nostri consumatori. A fine 2015 e in due momenti successivi nel 2015 sono stati abbassati i prezzi di 3mila prodotti di largo e generale consumo, 1500 appartenenti alle marche più importanti e 1500 al prodotto a marchio Coop.

Anche l’iniziativa “Scegli tu” sul prodotto a marchio Coop, dedicata ai soci e ripetuta più volte nel 2015, ha contribuito alla tutela del loro potere di acquisto: in ogni evento i soci hanno potuto usufruire di 50 buoni sconto, dal valore medio del 26% di sconto, da applicare a propria scelta su un “paniere di ampia gamma.

Tutela dell’economia del territorio

Nella missione di Unicoop Firenze c’è anche il sostegno al tessuto economico del territorio. Per questo la Cooperativa s’impegna a lavorare con i fornitori toscani, aiutando le aziende e, di conseguenza, l’economia e l’occupazione della nostra regione.

Nel 2015, su oltre 2.000 fornitori di Unicoop Firenze, 705 sono toscani (34% del totale). Nello stesso anno, gli acquisti da fornitori toscani hanno superato i 458 milioni di euro (25% del totale): un robusto contributo al PIL regionale.

Fotovoltaico

La produzione diretta di energia con fotovoltaico in funzione ha raggiunto nel 2015 i 10.014.524 kWh.

La produzione 2015 di energia elettrica da fotovoltaico è equivalente ai consumi di 3709 famiglie e si caratterizza per una riduzione di CO2 immessa in atmosfera pari a 5.317.712 kg.

Dal 2007 a oggi Unicoop Firenze ha fatto investimenti nel fotovoltaico per 28 milioni di euro con 34 impianti attivi.

Eco-sostenibilità


Nel triennio 2013/2015 sono stati attivati investimenti tecnologici (illuminazione a led, frigo alimentare, condizionamento) per oltre 4 milioni di euro, che hanno interessato 56 punti vendita della Cooperativa, per risparmi di energia elettrica pari a oltre 11 milioni di KWh, equivalenti al consumo di 4189 famiglie, e per una riduzione di CO2 in atmosfera di oltre 6 milioni di kg.

Continua anche l’impegno della cooperativa nella riduzione degli imballaggi non riciclabili. Oltre all’utilizzo degli shopper per la spesa in Mater Bi e all’erogazione degli shopper in Mater Bi per confezionamento e asporto della frutta e verdura, nel corso del 2015 è stata promossa la vendita di borse in plastica di seconda vita “riciclata”.

Recupero olio domestico esausto

Il progetto prevede il recupero degli oli alimentari esausti di provenienza domestica attraverso il conferimento nelle apposite aree adibite alla raccolta.

Il servizio è attivo in 16 punti vendita della cooperativa e, nel 2015, sono state raccolte 150 tonnellate di olio.

Raccolta differenziata

In tutti i punti vendita è posta molta attenzione al problema della produzione e differenziazione dei rifiuti.

La raccolta differenziata presso i punti vendita e i magazzini della Cooperativa supera il 75% del totale dei rifiuti prodotti.

L’attuale gestione prevede una valorizzazione degli imballaggi in carta e/o plastica, che produce un abbattimento dei costi di smaltimento per la cooperativa.

Tutela delle acque

Unicoop Firenze è costantemente impegnata nel monitoraggio e nella manutenzione dei propri scarichi idrici.

Nel corso del 2015 sono stati fatti investimenti per le attività di manutenzione e per gestire il piano interno di autocontrollo che consiste nell’effettuare annualmente circa 200 analisi chimiche su tutti i punti di immissione nella fognatura.

Anche nel 2015 è proseguito l’impegno di Unicoop Firenze per progetti e azioni di socialità e solidarietà, per il sostegno alla cultura, all'educazione ai consumi, sul territorio e in favore delle nuove generazioni.

Proposte educative

Nel corso del 2015 sono state realizzate 3160 iniziative, coinvolgendo oltre 70 mila alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado e 2800 insegnanti.

Fondazione Il Cuore si scioglie onlus

Prosegue il sostegno della cooperativa alla Fondazione Il Cuore si scioglie che porta avanti da molti anni progetti di solidarietà in Italia e all’estero insieme a molte associazioni di volontariato presenti sul territorio. In particolare segnaliamo nel 2015 le tre raccolte alimentari promosse dalla Fondazione con Unicoop Firenze e le associazioni di volontariato, che hanno permesso di raccogliere 486 tonnellate di merce, oltre ad un ulteriore contributo economico della cooperativa a favore dell’emergenza alimentare sul nostro territorio.

È proseguita anche nel 2015 l’iniziativa delle cene galeotte nel carcere di Volterra il cui ricavato è andato alla Fondazione Il Cuore si scioglie o a favore di associazioni del territorio.

Impegno per la cultura

Continua anche nel 2015 il sostegno per promuovere eventi culturali (teatro, musica, musei, cinema, mostre ed altre manifestazioni artistiche).

Nel 2015 è stata promossa un’iniziativa di raccolta fondi per sostenere il restauro del Battistero di San Giovanni condotto dall’Opera del Duomo (“Abbraccia il Battistero”). La raccolta partita ufficialmente il 27 gennaio è stata pari a 250mila euro.

Nel 2015 è stato stretto anche un accordo con l’Accademia della Crusca per un progetto di promozione delle iniziative nel campo della conoscenza della lingua italiana e della sua storia. Unicoop Firenze e l’Accademia della Crusca hanno organizzato eventi e spettacoli in teatri e altri luoghi e la cooperativa si è inoltre impegnata a sostenere con un contributo l’attività dell’Accademia.

I teatri sostenuti dalla Cooperativa sono stati nel 2015 oltre 60.